26|03|2021
La colomba: la storia del dolce pasquale tra leggende e tradizioni

Manca poco alla Pasqua e qui al Panificio Brun ci stiamo già preparando a sfornare le nostre deliziose e fragranti colombe.

Storia, leggende e miti si intrecciano all’origine di questo dolce dalla forte potenza simbolica, segno di pace e di gioia, che, secondo diversi racconti, ha avuto un ruolo cruciale nella risoluzione di assalti, battaglie e incidenti diplomatici.

Già nella Genesi, al termine del diluvio universale, è proprio la colomba a tornare da Noè, portando nel becco un ramoscello d’ulivo, testimonianza dell’avvenuta riconciliazione tra Dio e il suo popolo, simbolo che indica la fine del castigo divino e che sancisce l’inizio di una nuova epoca per l’intera umanità.

 

La storia della colomba: dalle origini longobarde…

Ma qual è l’origine di questo dolce pasquale?

Secondo la tradizione, la colomba pasquale è un tipico dolce lombardo e, infatti, è proprio in quella terra che sono ambientate gran parte delle leggende che narrano la storia di questo soffice lievitato.

La più antica è quella del re longobardo Alboino che, dopo un lungo assedio durato anni, riuscì nel 572 a conquistare la città di Pavia. Si narra che i cittadini, per ingraziarsi le simpatie del nuovo sovrano, gli offrirono in dono come segno di pace soffici e dolci a forma di colomba. Questi piacquero così tanto al sovrano che decise di risparmiare la vita agli abitanti.

Un’altra leggenda che viene tramandata è quella che riguarda San Colombano. Il sant’uomo, giunto alla corte della regina Teodolinda, fu invitato insieme ai suoi confratelli a partecipare a un sontuoso banchetto, ricco di selvaggina. San Colombano, per non trasgredire alla regole di astensione dalla carne nel periodo di penitenza quaresimale e non offendere la sua ospite, fece un miracolo trasformando le succulenti carni rosse sulla tavola in pani dolci e candidi a forma di colomba.

Il terzo racconto è ambientato nel 1176, durante la battaglia di Legnano, che vide scontrarsi le truppe della Lega Lombarda e Federico Barbarossa. Le prime riuscirono ad avere la meglio sull’esercito dell’imperatore del Sacro Romano Impero e, visto che in diversi giuravano di aver visto delle colombe vegliare sulle insegne della Lega dei Comuni nel corso del combattimento, decisero di preparare dei dolci che ne ricordassero la forma per festeggiare la vittoria e simboleggiare la pace riconquistata

 

La storia della colomba:…all’invenzione di Motta

La colomba che noi conosciamo e mangiamo oggi, tuttavia, probabilmente ha origini molto più recenti. È, infatti, nella Milano degli anni Trenta che Dino Villani, artista e pubblicitario mantovano, ebbe l’idea di sfruttare gli stessi macchinari che la Motta utilizzava per produrre il panettone per creare un nuovo dolce dalla ricetta molto simile, con un formato particolare, dettato dalla simbologia e dalla stagione primaverile. E così nacque la colomba pasquale, quel morbido dolce lievitato, con canditi e con una croccante glassa arricchita di mandorle.

 

 

 

Le colombe del Panificio Brun

Come ci testimoniano le numerose leggende fiorite attorno alle origini della colomba, sono sempre esistiti in tutta Italia dolci pasquali con questa forma, anche ben prima dell’intuizione di Dino Villani. Questa creazione occupa un posto speciale nella gastronomia italiana ed è un prodotto di eccellenza delle pasticcerie artigianali, che, nel tempo, hanno scatenato la loro fantasia e creatività per sperimentare e realizzare moltissime varianti gourmet.

Per rendere più dolce la tua Pasqua, noi del Panificio Brun stiamo preparando:

– la focaccia veneziana;

– la colomba classica;

– la colomba zenzero e limone con copertura di cioccolato bianco e riccioli al limone;

– la colomba pesca, albicocca e amaretto con copertura di cioccolato al latte e granella di amaretto;

– la colomba lampone e fragola con copertura di cioccolato fondente e riccioli di cioccolato bianco;

– la colomba vuota.

 

Assicurati di trovare il tuo dolce pasquale preferito prenotandolo in uno dei nostri negozi!

Punto vendita di Conegliano: +39 0438 60002

Punto vendita di Mareno: +39 0438 492438

Punto vendita di Santa Maria di Feletto: +39 0438 784435